Il GDO è sempre più attivamente impegnato nella produzione e nella diffusione della Cultura con progetti di qualità, che intendono formare il pubblico divertendolo attraverso linguaggi e modalità originali direttamente coinvolgenti.

Il GDO raccoglie dagli stessi Performers della Compagnia, la volontà di sperimentare nuovi linguaggi di comunicazione che coniughino la contaminazione tra gli stili come cifra stilistica, attenta alla tradizione pur strizzando l'occhio all'innovazione, grazie a un modo d'esprimersi semplice e vero ed al tempo stesso altamente poetico, che rende le performances interessanti ed emozionanti per il pubblico e mette d'accordo i più giovani con i meno giovani, uniti nell’ironia e nella leggerezza.

E’ l'esigenza di disegnare un percorso nuovo, un progetto diverso nato dagli stessi danzatori in cui energia, gioco e lirismo vengano abilmente fusi nell’incanalare la creatività in un crogiuolo di idee decisamente under 35.

Profondi e ininterrotti sono, infatti, i processi di costruzione del background dei danzatori, che si mettono in gioco continuamente anche con interessanti realtà europee come Kafig o Hofesh, con cui vivono intense residenze, che aprono nuovi schemi e moltiplicano i punti di vista da cui guardare alla creazione coreografica.

È una sfida che ha entusiasmato tutti, a partire dal GDO che ne produce le creazioni, e che il team coreografico, coordinato da Federica Galimberti, ha già raccolto.

Il GDO si pone nell’idea di una 'Dance Factory' ove compagnie ed artisti possano trovare 'casa'. Questa scintillante nuova fase si concretizza in una nuova visione della “Permanenza Artistica”, dell'incisione sul territorio in cui il GDO opera, e della mobilità territoriale. Sono infatti in rete le tre regioni da cui i danzatori provengono (Lazio, Umbria ed Emilia Romagna), sedi di altrettanti vivai creativi, insieme alle Marche che ne accolgono la residenza creativa, ora che dal 2014 è Corinaldo con il suo Borgo antico, Città Spettacolo, ed il suo teatro a dargli sede.

Nasce così quel 'sapore speciale' che fa di questi Artisti, riuniti dal 2014 sotto il GDO con il nuovo nome di E.sperimenti, una eccellenza italiana che con onore veicola all'estero l'immagine del MADE IN ITALY.

L’internazionalizzazione è uno degli obiettivi importanti del Direttore Artistico che con forza organizza e programma annualmente almeno tre tournèe. Sono l’Asia e l’Indonesia la nuova frontiera della produzione artistica, accolta sempre con grandissimo favore e successo, da Pechino a Shanghai, ma anche Bangkok, Hongkong e Jakarta, senza dimenticare la Grande Mela e l’Europa.